WE'RE SOCIAL!

IL NOSTRO AMORE NON FA RUMORE di Lucia Tommasi

WoWoWo Lettori Compulsivi del Web, 
Oggi Laura ci presenta la recensione del romanzo 
autoconclusivo di Lucia Tommasi. 

  Titolo: Il nostro amore non fa rumore
  Autore: Lucia Tommasi
  Editore: Self Publishing
  Serie: n/a
  Data di pubblicazione: 25 luglio 2017
  Genere:  Romance, New Adult
  Collana: n/a
  Pagine: 385
  Prezzo: 1,99 € eBook 
In una tranquilla vigilia di natale, Mya non ha idea di come cambierà la sua vita e la sua relazione con Carter, un ragazzo affascinante e di buona famiglia, ma con un carattere pessimo. Quella fatidica sera incontra Deran il collega di suo fratello Mason, dal fascino ribelle, scontroso e tormentato. L'alchimia tra i due è forte, cosa che le fa mettere in dubbio tutta la sua vita da un giorno all'altro. Deran è un poliziotto con tanti problemi e dipendenze, ma sa che non può fare a meno di lei, anche se rischia di plagiarla. Non appena i suoi occhi si posano su Mya si sente perso, il suo cuore si stacca dal petto. Vuole lei. Mya è combattuta. Da un lato ha un uomo ricco e potente, dall'altra un semplice poliziotto testa calda, che la mette ogni volta nei casini. Cosa farà Mya? E soprattutto cosa succederà quando lo scopriranno il gelosissimo Mason e il violento Carter?
Ci sono momenti in cui si avverte l'esigenza di fare un bilancio per capire a che punto della vita si è arrivati: Mya, la protagonista, è in attesa del lavoro dei sogni, fidanzata con l'uomo "perfetto"! Tutto apparentemente segue un giusto percorso.....eppure....dlin dlon....il destino suona alla sua porta e puff...tutto d'improvviso cambia, irrompe nella sua vita il bel poliziotto, Deran!
La scrittrice fa ricorso ad un doppio POV alternato tra i due protagonisti regalando una visione completa e una cadenza ben modulata alla narrazione. La lettura è scorrevole, un romanzo romantico con momenti intensi. Ecco, forse una maggior indagine interna alle scelte e al background dei protagonisti, avrebbe avuto un impatto emotivo maggiore sul lettore, ma resta lo stesso una piacevole lettura, in cui non mancano colpi di scena che danno il giusto dinamismo alla storia.
Sarebbe stato facile cadere nei tipici cliché che da sempre si associano a certi ruoli (poliziotto = uomo inflessibile, retto e corretto....), per cui complimenti all'autrice che ci regala una visione differente. Deran, infatti, è un uomo con vizi e dipendenze, ma che ugualmente riesce a farsi apprezzare e amare. Anche Mya sorprende per la resistenza alle avversità che mostrerà per tutto il romanzo, per la sua forza nel voler seguire ciò in cui crede, ciò che sente, anche se dovrà scontrarsi con le bassezze e le crudeltà di cui gli uomini sono capaci.
L'autrice ci mostra, attraverso Mya, l'importanza di concedere seconde possibilità: anche quando le problematiche da affrontare sono delicate ed importanti, si deve fare un tentativo se davvero si è certi che ne valga la pena.
Deran a mio avviso è portatore di un esempio positivo: quando nella vita rischi di perdere qualcosa a cui tieni, quando hai una motivazione per andare avanti, puoi davvero riuscire a spezzare il circolo vizioso di cui sei vittima, con l'aiuto di chi ti ama. Non mi resta che augurarvi una buona lettura!




Nessun commento:

Posta un commento