WE'RE SOCIAL!

IN OGNI STELLA NASCOSTA di Vanessa Sorbero.


WoWoWo Lettori Compulsivi del Web, 
Oggi Sharon ci presenta la recensione di "In ogni stella nascosta".

  Titolo: In ogni stella nascosta
  Autore: Vanessa Sorbero
  Sito Web: Wattpad
  Serie: #1 Rockabilly Fest Series 
  Genere:  Romanzo Rosa 
  



Cecilia è una ragazza dolce e ingenua, che ama l'arte e fotografia, e si è appena trasferita a Milano per studiare alla NABA. 
Un giorno, durante una serata a tema anni '50, incontra l'uomo che le stravolge la vita: Alex Grimaldi, l'affascinante dj del Rockabilly Fest. Alex è un uomo adulto, arrogante, abituato ad ottenere sempre quello che vuole, senza mai farsi dominare dalle emozioni.
Cecilia non riesce a toglierselo dalla testa, nonostante la grande differenza d'età, e sarà costretta a combattere le sue insicurezze per convincere Alex a lasciarsi andare e perdere il controllo.
"Milano è la città che apre l'Italia al mondo" queste sono le parole che hanno detto a Cecilia, la protagonista del romanzo di cui sto per parlarvi.
Nella categoria di Storie d'amore, "In Ogni Stella Nascosta" è quel libro che ha qualcosa di diverso dal solito sfondo che ormai siamo abituati a vedere. Il protagonista principale, infatti, è Alex Grimaldi; non un ragazzo che frequenta il liceo, non un ragazzo drogato che aspetta la santa che lo salva (sottolineo che io, personalmente, non ho assolutamente niente da ridire contro i soliti protagonisti. A me piace leggere anche il solito cliché, a patto che abbia qualcosa che mi colpisca al cuore)... No! Alex Grimaldi è un uomo a tutti gli effetti, che per vivere fa il dj di musica anni '50. E Cecilia... è fantastica, un mix di dolcezza, determinazione e solarità. Fa casini, e fa ridere, ragazzi, non potete capire quanto! L'autoironia la rende una delle protagoniste femminili che più adoro.
Alex è frenato, si rende conto -molto più di lei- della loro differenza di età, ma nonostante sia lui "l'adulto" ci sono volte in cui tutto svanisce perché, ve lo ricordo, al cuore non si comanda.
In Ogni Stella Nascosta è il primo libro della Rockabilly Fest Series, ed è stato un piacere poter far scorrere i miei occhi su quelle pagine.
Quando sono approdata su questo libro e ho letto per la prima volta la parola "Rockabilly Fest", mi sono domandata... cosa diamine è questa roba?  E di colpo sono stata catapultata in un'epoca parallela a quella che di solito vivo. Sono abituata (o almeno lo ero prima che un anello mi inchiodasse felicemente a casa :D) ad associare la frase "andare a ballare" a qualcosa di piuttosto scuro e rumoroso. Discoteche con musiche che ti perforano i timpani, luci stroboscopiche che ti fanno incrociare gli occhi, e centinaia di corpi che si muovono appena perché stanno accalcati tutti come bestie nel recinto. Lo facevo anche io prima, ogni santa settimana, poi ho letto del Rockabilly Fest, e la prima cosa su cui ho riflettuto è stata: "ho sprecato anni a fare la pecora in un recinto, ascoltando musica insulsa e muovendo i piedi di due centimetri soltanto perché questo è il modo di ballare che va di moda ora". Se potessi tornare indietro, giovani signori, manderei al diavolo la classica discoteca e mi attaccherei alle serate Rock and Roll come una cozza allo scoglio!
A parte i gusti musicali, che giuro in questo libro mi hanno aperto un mondo che non conoscevo e di cui sono rimasta particolarmente affascinata, dentro "In Ogni Stella Nascosta" c'è molto altro.
Ho visto Milano tramite gli occhi dell'autrice e per una come me che non ha mai viaggiato, fidatevi se vi dico che l'ho vista come se fossi stata lì con loro.
Leggere questo romanzo mi ha regalato attimi di sorrisi, gioie, e mi ha fatto vedere posti senza dover pagare il biglietto aereo, perché quando l'autrice racconta quello che sta circondando le figure dei protagonisti, puoi riuscire a vedere davvero quei posti come se fosse il tuo sguardo ad osservarli. 
Dal mio punto di vista, è un libro che merita.
Vi consiglio di andare ad immergervi nel fantastico Rock and Roll della vita di Cecilia e Alex.
Non ve ne pentirete!







Nessun commento:

Posta un commento