WE'RE SOCIAL!

MARTYNS


WoWoWo Lettori compulsivi del web, 
Benvenuti a The Asylum of  Authors, la nostra rubrica dedicata agli autori. Oggi a tenerci compagnia e a rispondere alle nostre domande abbiamo il piacere e l'onore di avere Martyns, autrice de "La trilogia dei ricordi" disponibile solo su Wattpad. In questa intervista avremo infatti l'occasione di conoscerla meglio e scoprire qualcosa di interessante sul suo amore per la lettura. 

MA CHE STIAMO ASPETTANDO? COMINCIAMO!


Chi si nasconde dietro la tastiera? Parlaci un po' di te.
Chi si nasconde dietro la tastiera sono io: Martina, una ragazza di 27 anni, nata a Roma e vissuta in periferia, fortunatamente per me vicino al mare, uno dei miei luoghi preferiti. Mi reputo una ragazza simpatica, sincera e determinata; quando voglio davvero qualcosa faccio di tutto per ottenerlo. Cerco di essere sempre positiva, anche se mi capita, a volte, di vedere tutto nero. Molto spesso sono permalosa, pigra e testarda, chi mi conosce dice di me che voglio sempre avere ragione o voglio sempre ottenere l'ultima parola e, in parte, è vero; fortunatamente dicono anche che so ascoltare e so essere una buona amica. Sono anche altruista e generosa, ma so valutare chi merita determinate attenzioni e chi no. Cerco di essere sempre una persona responsabile, che porta rispetto a chiunque e pretendo che ne portino a me. Sono una persona fedele, non solo in amore, ma anche in amicizia; odio le persone false e opportuniste. Vivo ancora con i miei genitori, ma sto cercando di sistemarmi per andare a vivere insieme al mio ragazzo, con cui sono fidanzata da sette anni. Ci siamo conosciuti quindici anni fa, tramite una mia amica e compagna di scuola, nonché sua cugina; per tanti anni siamo stati amici e poi è nato qualcosa di più.

Raccontaci come ti sei avvicinato/a al mondo della scrittura.
Mi sono avvicinata al mondo della scrittura quando ero piccola. In realtà non ho mai fatto sul serio, per me era un gioco. A volte fingevo di essere una scrittrice oppure una sceneggiatrice, scrivevo delle storie e poi convincevo i miei cugini o i miei amici a recitarle. Mi immergevo in un mondo tutto mio, nelle mie fantasie e nei miei desideri. Oltre a scrivere storie per gioco, annotavo su diari o agende le mie vicende quotidiane e le mie emozioni. All'età di sedici, diciassette anni, insieme alla mia migliore amica, abbiamo scritto un libro che riguardava la nostra comitiva. I nostri intrighi amorosi e dei nostri amici, le nostre discussioni, tutto in modo dettagliato e con delle caricature disegnate che accompagnavano il tutto. Non abbiamo mai voluto pubblicarlo o renderlo noto, perché è un libro strettamente privato e che non riguarda solo noi.
La mia passione per la scrittura credo che ci sia sempre stata, ha sempre fatto parte di me, anche durante i temi scolastici in cui scrivevo sempre più degli altri. Ho sempre provato difficoltà a iniziare un racconto o una presentazione, ma una volta cominciato le parole vengono da sole.

Quali sono i tuoi hobby?
I miei hobby e passatempi preferiti sono: uscire con gli amici, andare in un pub, al cinema, a cena fuori; un po' i passatempi di tutti noi. Mi piace leggere e scrivere, ascoltare musica, vedere un film; ma il mio passatempo preferito sono le serie tv. Ne ho viste e ne continuo a vedere molte, prediligo un genere mistery/triller, divertente o comunque che riesce a coinvolgermi. Per farvi un esempio quelli che amo di più sono: Pretty Little Liar, Once Upon A Time, The Walking Dead; ma ne vedo anche tantissimi altri. Ho anche altri hobby, tra cui gli sport; diciamo che da piccola ero più atletica rispetto a ora, ma comunque mi è rimasta la passione per le escursioni e i percorsi sugli alberi (parchi avventura), dove vado spesso. Mi piace molto la pallavolo e il pattinaggio anche se non li pratico. In questo ultimo anno ho praticato il Krav Maga, un'arte marziale da combattimento ravvicinato e difesa personale. Amo andare al mare, forse è l'unico posto dove riesco a riflettere di più su me stessa, dove trovo la tranquillità e dove posso chiarirmi le idee.
Infine, mi piace l'occulto, soprattutto quello che riguarda l'oniromanzia, cerco sempre di interpretare i miei sogni, ma non perché penso siamo premonitori, anche se ci sono stati degli episodi che me lo hanno fatto pensare; ma per capire meglio il mio inconscio. Mi affascina questo mondo, come mi affascina anche il mondo dell'oroscopo, a cui però non credo molto. Credo soltanto alle caratteristiche dei segni e alle affinità.

Quale dei personaggi dei tuoi romanzi senti più vicino?
Il personaggio dei miei libri in cui mi rivedo di più è Chiara, perché in realtà lei è il mio alter ego; ma sono affine anche a Sara a cui ho prestato alcuni lati del mio carattere.

Per descrivere i tuoi personaggi ti ispiri a delle persone reali o sono frutto della tua immaginazione?
I personaggi in realtà sono tutti ispirati a persone reali, cioè i miei amici. Questa storia è stata concepita nella mia mente, grazie proprio al rapporto che ho con le persone che mi sono accanto. Così ispirandomi alle nostre vite e ai nostri legami, ho creato questi alter ego. Alcuni personaggi sono frutto della mia immaginazione o sono ispirati a personaggi pubblici. La storia è totalmente inventata, a parte qualche legame e sentimento, come quello dei protagonisti: Chiara e Massimo; che come me e il mio fidanzato erano amici fin da piccoli e poi si sono innamorati.

Hai uno pseudonimo? Se sì, cosa ti ha spinto ad usarlo?
Il mio pseudonimo è Martyns. Nell'arco della mia vita fin'ora ho avuto molti soprannomi, che ancora uso o con cui vengo chiamata dai miei amici. Ho scelto Martyns perché me lo ha dato una mia amica molto tempo fa, non c'era un motivo preciso, le era venuto così... Ho pensato di usarlo perché lo sento affine e originale.

Il tuo genere è il …….. Quali sono le caratteristiche di tale genere e, quindi, le motivazioni che ti hanno spinto a preferirlo agli altri?
Il genere che scrivo è: storie d'amore e romanzi rosa. Le caratteristiche principali sono le love story tra i protagonisti; i loro intrighi, la loro crescita interiore e tutto quello che ha a che fare con una relazione, raggiungendo poi il lieto fine. Il motivo per cui l'ho scelto è semplice: mi sono detta che per iniziare un nuovo percorso, a me sconosciuto (perché non mi reputo un'esperta), sarebbe stato più facile parlare di qualcosa che conosco. Nelle mie storie però non deve mancare il mistero, i colpi di scena e la suspance. In futuro vorrei provare a cambiare genere, magari un giallo.

Parlaci del tuo sogno nel cassetto.
Fin da piccola ho avuto molti sogni nel cassetto, tra cui: diventare psicologa, veterinaria, archeologa, e altre cose del genere. Adesso l'unico sogno del cassetto che ho, forse un po' banale, riguarda: avere una casa tutta per me, da condividere con la persona che amo e creare una famiglia. Se poi la casa avesse anche la piscina sarebbe perfetto... A parte questo, spero che il lavoro sia soddisfacente e mi sostenga sempre; inoltre mi piacerebbe viaggiare di più. Ma comunque il mio sogno nel cassetto è trovare la mia tranquillità e il mio benessere.

Qual è il tuo rapporto con il lettore? Descrivilo il tre parole
Difficile descrivere in tre parole come mi rapporto con i miei lettori, ma ci proverò... Cerco sempre di basare i rapporti con: sincerità, dialogo e rispetto.

Perché hai deciso di pubblicare su Wattpad?
Ho scoperto Wattpad per caso, all'inizio non capivo come funzionava e l'ho lasciato perdere, ma poi un anno dopo, sempre per puro caso, mi ci sono imbattuta di nuovo. Forse mi prenderete per pazza, ma io non credo tanto nelle coincidenze, così mi sono messa in testa di perderci due minuti della mia vita per capire come funzionasse. Da quel momento ho cominciato a leggere una storia che mi ha appassionata molto e, più leggevo, più cresceva in me la voglia di riprendere a scrivere, questa volta sul serio e di tentare anche io a pubblicare su Wattpad. È stato più che altro un esperimento per dimostrare a me stessa di esserne in grado.

A parer tuo, quali sono i vantaggi e quali i svantaggi di pubblicare su Wattpad?
I vantaggi di Wattpad sono molti, ma quello più importante, secondo me, è la possibilità di conoscere nuove persone e confrontarsi con critiche costruttive; infatti grazie a questa piattaforma, ho avuto la possibilità di trovare delle amiche con cui condividere una passione, darci consigli e sostenerci. Siamo una piccola famiglia. Un altro vantaggio è quello di poter pubblicare con facilità i propri scritti e farsi conoscere un po'. Purtroppo però ci sono degli svantaggi, perché grazie all'affluenza di persone che usano questa piattaforma, spesso ci si imbatte in storie scritte male, con linguaggio da sms, che rovinano il concetto di lettura. Inoltre noto che molta gente tiene di più alla competizione e alla classifica, che alle sue storie e ai suoi lettori; spesso criticano, segnalano e creano dei sotterfugi, pur di entrare in classifica e spodestare un altro. Inoltre trovo ingiusto che non ci sia una categoria per le storie da rating adulto, perché se fosse presente, forse tutta questa invidia non ci sarebbe e potrebbe essere più facile far rispettare le regole sulle censure, oltre che dare la possibilità a tutti di scrivere come vuole senza ricorrere a trucchetti.

Ti piacerebbe, un giorno, pubblicare in self o con casa editrice?
Come quasi tutti quelli che scrivono, anche io ho il desiderio di pubblicare un giorno un cartaceo. Sto cercando di migliorarmi e di tentare, inviando i miei libri a delle case editrici; ho deciso di mettermi in gioco per non avere rimpianti in futuro. Per quanto riguarda l'auto pubblicazione, adesso come adesso, non ho molta fiducia nei self, forse un giorno cambierò idea, quindi non escludo questa possibilità.

Parlaci dei tuoi supporter numero uno.
La mia sostenitrice numero uno è la mia migliore amica Adriana, la ragazza che ho menzionato all'inizio, la stessa che conosco da quando siamo piccole, che è la cugina del mio fidanzato e che reputo di famiglia. È la sorella che non ho... Ok, mi sono lasciata andare troppo ai sentimentalismi, scusate. Comunque Adriana mi sostiene fin dall'inizio, da quando le ho rivelato che avevo cominciato a scrivere e che esisteva una piattaforma dove poter pubblicare i miei libri. Da quel momento ogni giorno mi chiedeva come stava andando, voleva sapere gli spoiler, mi dava consigli e mi sosteneva in tutto. Ancora oggi lo fa e colgo l'occasione per ringraziarla; lei crede davvero in me, a volte più della sottoscritta.
Poi c'è la mia prima fan di Wattpad, lei come tanti usa un soprannome, ma io parlando con lei e instaurando un dialogo, so il suo vero nome. Da quando ha iniziato a leggere le mie storie, mi ha sostenuta con commenti e messaggi privati di ogni tipo, si è appassionata davvero molto alle mie storie e lei stessa si definisce la mia fangirl numero uno. In seguito ho conosciuto altre lettrici che si sono appassionate con sincero interesse alle mie storie, con cui ho instaurato un bel rapporto e ci tengo a ringraziare tanto anche loro. Siete fondamentali e vi adoro, ma lo sapete già. Un'altra ragazza che c'è stata fin dall'inizio è Paola, con cui ho costruito una bella amicizia. Mi sento molto simile a lei e sono contenta di averla conosciuta, grazie a lei ho avuto l'opportunità di conoscere altre persone e migliorarmi. Tempo fa mi ha invitato a far parte di un gruppo di scrittrici e ci siamo anche incontrate un giorno; poi però, come spesso accade, ci siamo sciolte, ma noi due siamo rimaste in contatto. Posso dire che ho trovato in lei una vera amica, mi ha presentato altre persone e abbiamo formato una bella amicizia, ci sosteniamo e parliamo dei nostri libri, ci diamo consigli; ma parliamo anche delle nostre vite private, scherziamo, parliamo dei nostri progetti, dei nostri problemi e anche se siamo lontane, ci sentiamo molto vicine. Grazie a tutte ragazze, voi sapete a chi mi riferisco...

Retroscena divertenti mentre scrivevi un tuo romanzo.
Non credo ci siano stati molti retroscena divertenti. La cosa che mi succede spesso quando scrivo è quella di essere disturbata; immaginatevi la scena: io, davanti la tastiera con mille idee, inizio a scrive e... Squilla il telefono, il cane vuole le coccole, qualche famigliare viene a disturbare. Oppure sono in ufficio, la giornata è calma e non entra nessuno da tutto il giorno, indovinate quando arrivano i clienti? Proprio mentre scrivo. Un'altra cosa divertente è quando ho notato che ad alcuni miei amici, accadevano le stesse cose che avevo scritto per il loro personaggio nel mio libro. Come ad esempio essere lasciati dalla ragazza perché si è dovuta trasferire o, viaggiare per delle convention di lavoro.

C’è uno scrittore in particolare al quale ti ispiri?
Ci sono molti scrittori a cui ispirarsi, davvero bravi e notevoli. A me personalmente, piace molto il metodo di scrittura di Lucinda Riley e Susanne Goga; mi sento affine a loro e penso di aver preso spunto su alcuni metodi d'impostazione, come: flashback e capitoli che si svolgono nel passato. Cose che poi troviamo in quasi tutti i libri, ma che ognuno gestisce in modo diverso.

Qual è la tua opinione sul mondo letterario odierno?
Il mondo letterario odierno è molto vasto, ci sono meno tabù, più libertà di pensiero e racconti in cui, soprattutto i più giovani, riescono a immedesimarsi. Devo dire che però, secondo me, ci sono troppi racconti simili ed è più difficile trovare qualcosa di originale.

Cosa pensi dei blog letterari? Credi siano utili?
Penso che i blog letterari, se gestiti bene, con eventi, iniziative e quant'altro, siano molto utili. Grazie a questi possiamo conoscere persone nuove, confrontarci e migliorarci; inoltre si può creare una bella comunità e ci si può far notare con facilità.

Tre cose che non possono mancare quando scrivi.
Le cose che non devono mancare quando scrivo sono: l'ispirazione, la musica e l'acqua.

Tre motivi per i quali i lettori dovrebbero scegliere i tuoi libri.
Penso che la lettura sia soggettiva e che non si può piacere a tutti, quindi per chi ama il genere che scrivo consiglio di leggere i miei libri per tre motivi: nelle mie storie è facile immedesimarsi, poiché i temi trattati sono basati su delle emozioni che il genere umano condivide. I personaggi si avvicinano alla gente comune e sono ben strutturati; infine, perché spero che il lettore riesca a emozionarsi come me, quando le ho scritte.

Qual è il tuo momento ideale per scrivere?
Il momento ideale per scrivere è quando senti il bisogno di farlo, che tu sia fuori casa, in ufficio, al mare, poco importa... Bisogna sempre portare con se un quadernino dove appuntare tutto quello che ci passa nella mente e poi, appena si ha un momento di pace e tranquillità, nella propria stanza o ovunque vi sentiate in serenità, scrivere e riportare tutto quanto. Personalmente mi capita di scrivere di più al mattino o alla sera, in genere quando sono a casa o in ufficio (se posso), ma ho scritto una parte di capitolo anche mentre ero al mare.

Vuoi lasciarci qualche citazione?
Vi riporto tre citazioni, una per ogni mio libro:
– "Siamo Come Calamite, qualsiasi strada prendano le nostre vite, saremo sempre attratti..." cit. Come Calamite.
– "Ripenso al nostro bacio, al sapore delle sue labbra, così morbide e carnose, come le mie, è stato un bacio dolce, anche se pieno di incertezze..." cit. Illegalmente Noi.
– "Come farò a non perdermi? A combattere? Sono terrorizzata, sono debole, sono... Non lo so nemmeno io" cit. Cielo Nero


Progetti per il futuro?
I miei progetti sul futuro, per quanto riguarda la mia vita privata, sono quelli che ho scritto anche per il sogno nel cassetto, ovvero: una casa tutta mia, una famiglia, tranquillità, benessere e avere attorno persone che mi vogliono bene e mi amano. Per quanto invece riguarda la scrittura, proverò a mandare i miei libri ad alcune case editrici e spero di essere notata.


Un saluto per i nostri lettori.
Vi ringrazio molto per questa intervista, mi è piaciuta molto, mi ha dato modo di riflettere su me stessa e sulla mia vita. Sono davvero contenta di aver partecipato, spero che sia piaciuta anche a voi e abbiate colto il mio carattere semplice, simpatico e a volte ironico.
Ringrazio tutti quelli che mi hanno letta e sostenuta, che mi hanno accompagnato in questo percorso, tutto nuovo per me. Grazie a voi sono riuscita a migliorarmi e ho dato vita a questa trilogia, a cui sono davvero molto affezionata. Ringrazio anche chi ha seguito l'intervista, che ha dedicato del tempo per conoscermi un po',  spero di avervi incuriositi e di trovarvi presto tra i miei lettori; sarò felice di accogliervi. Grazie ancora, un bacione.

Ringraziamo sentitamente Martyns per questa bellissima intervista che ci ha permesso di conoscerla meglio. Ma non finisce qui, perché la nostra casa Martyns vi aspetta sul nostro GRUPPO FACEBOOK per continuare a rispondere alle VOSTRE DOMANDE che vi daranno anche la possibilità di vincere una mistery box.
Ciauuu!

1 commento:

  1. Bellissima intervista.
    In bocca al lupo Martyns per tutti i tuoi progetti futuri e per la realizzazione dei libri cartacei ♥.

    RispondiElimina